SOLO I MEDICI MIGLIORI


per il tuo benessere personale.

 Clinic:
il percorso personale per ritrovare l’equilibrio

Rallentare il processo di invecchiamento e migliorare la qualità della vita: questi gli obiettivi del Metodo che, grazie al suo rigore scientifico e all’innovazione tecnologica dei suoi strumenti, accompagna nel processo di ristabilimento dell’equilibrio psicofisico.  Per stare meglio con se stessi e aumentare le proprie performances.

Il Metodo garantisce ai suoi ospiti la professionalità di medici specializzati, in un contesto unico e confortevole, dove tradizione e innovazione si incontrano, per offrire benessere su misura. Ogni ospite accede a un programma personalizzato dove, grazie al costante monitoraggio del team – dentro e fuori dalla clinica – è accompagnato verso il raggiungimento di uno stile di vita sano e libero dallo stress.

 

 



I NOSTRI MEDICI

CENTRO MEDICO CASCINA LA SALETTE
AUTORIZZAZIONE ASL PROT N. 52994 del 11.11.2013

Dr. G. Binda, Medico Chirurgo Geriatria, Direttore Sanitario







 

Dr. A. Beretta, Specialista in Immunologia Clinica, si occupa di Medicina preventiva e patologie infiammatorie

 

Dr. P. Colombo, Specialista in Ortopedia e Traumatologia, Dirigente medico azienda Ospedaliera L.Mandic Merate

 

Dr. F. DeFilippi, Specialista in Geriatria, Direttore S.C. Riabilitazione Generale Geriatrica – azienda Ospedaliera della Valtellina e Valchiavenna

 

Dr. F. Doni, Specialista in Cardiologia – Docente presso la Scuola di Specialità in Cardiologia e in Medicina d’Urgenza presso l’Università Milano-Bicocca – Policlinico SanPietro Bergamo

 

Dr.ssa N. Dozio, Specialista in Diabetologia

 

Dr. A. Ghezzi, Specialista in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva, Dirigente Medico IRCCS Multimedica Milano

 

Dr.ssa I. Gianetri, Biologa Nutrizionista, Specialista in Genetica Medica

 

Dr. D. Guidetti, Specialista in Radiologia/Radiodiagnostica, Ozonoterapeuta, Dirigente Medico ASST Vimercate

 

Dr.ssa E. Fichera, Specialista in Pneumologia, Malattie dell’apparato Respiratorio

 

Dr. L.A. Leone, Specialista in Chirurgia Vascolare, Policlinico San Pietro

 

Dr. G. Melegati, Specialista in Terapia Fisica e Riabilitazione, Responsabile Riabilitazione Specialistica I – Medicina Riabilitativa I – I.O. Galeazzi Milano

 

Dr.ssa L. Meligeni, Specialista in Dermatologia e Venereologia

 

 










 

Dr. I.Milanesi, Specialista in Otorinolaringoiatria e Vestibologia

 

Dr. E. Paresce, Specialista in Terapia fisica Riabilitazione e Reumatologia, consulente AO Niguarda Ca Granda Milano

 

Dr.ssa L. Raina, Specialista in Neurochirurgia, Unità Operativa di Chirurgia della Colonna, Humanitas Gavazzeni Bergamo

 

Dr.F.Verweji, Specialista in Urologia, Senior Consultant Istituto Europeo di Oncologia

 


Dr. F. Vignati
, Specialista in Endocrinologia, Consulente Endocrinologo dell'Ospedale Sant'Anna di Como, Segretario della Società Italiana dell'Obesità

 

Dr.ssa M. Terruzzi, Specialista in Ostetricia e Ginecologia, azienda Ospedaliera A.Manzoni Lecco

 

Dr.ssa  C. Viganò, Specialista in Ortopedia e Traumatologia, Specialista in Ortopedia Pediatrica, Dirigente medico azienda Ospedaliera L.Mandic Merate

 

Dr. T. Villa, Specialista in Ortopedia e Traumatologia, Competente in Medicina Legale, Membro del Comitato Referee GIOT - Giornale Italiano di Ortopedia e Traumatologia, Addetto Stampa AITOG - Associazione Italiana di Traumatologia Ortopedia Geriatrica

INNOVAZIONE

LA VASCA NEOLOGICA

La Vasca Neologica, una esclusiva di Cascina La Salette, è in grado di lavorare sul potenziamento e sulla tonificazione muscolare grazie alla stimolazione neuromuscolare in acqua.
Si basa sul concetto della elettrostimolazione, ma a differenza dei comuni elettrostimolatori, usa una corrente brevettata che è molto simile alla corrente che il nostro corpo usa per la stimolazione nervosa. L’effetto è quello di una stimolazione profonda in grado di stimolare le cellule neuromotorie, garantendo una tonificazione e un potenziamento di tutti i distretti muscolari.
La vasca neologica corrisponde ad un esercizio fisico di media intensità, ma senza sforzo e senza stress per le articolazioni, induce il rilascio di endorfine, il cui effetto è quello di ridurre lo stress, migliorare la circolazione e la motricità generale.
In un programma di remise en forme è utile per bruciare calorie, drenare i liquidi ottenendo ottimi risultati nel dimagrimento in abbinamento a un programma nutrizionale.

La Vasca Neologica risulta essere quindi indicata per
• la tonificazione muscolare,
• l’aumento della simmetria dei gruppi muscolari,
• stabilità posturale,
• l’aumento delle performance sportive.

E’ utile sia nell’allenamento settimanale che in un programma defaticante post gara Grazie agli effetti distensivi a livello muscolare è indicato per le patologie neurologiche degenerative .

 

LA CRIOTERAPIA SISTEMICA

La Crioterapia Sistemica è un trattamento basato sulla esposizione dell’organismo a temperature molto basse (da –120°C a –170°C), per una durata non superiore a 3 minuti, che sollecita l’organismo umano e ne provoca un riflesso difensivo attraverso reazioni come la stimolazione della circolazione sanguigna, del sistema endocrino, del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale.
Ricerche scientifiche hanno dimostrato che durante il trattamento del freddo:
• il processo di invecchiamento è rallentato grazie al rallentamento dei processi di ossidazione
fatica fisica e mentale sono diminuiti
• Il cervello viene stimolato con conseguente maggiore capacità di concentrazione e soprattutto generazione di euforia e stato generale di rilassatezza con benefici sulla sfera del sistema nervoso in particolare per stati ansiosi ed insonnia.
• Il metabolismo viene regolato e di conseguenza il tessuto grasso viene bruciato più rapidamente, il che permette di combattere efficacemente il sovrappeso, l’obesità e la cellulite.
Ecco perché la Crioterapia è raccomandata anche a persone in buono stato di salute, che vogliono migliorare il proprio umore, la propria condizione fisica ed il proprio aspetto

LA CRIOTERAPIA & LA MEDICINA

In medicina vengono sfruttati gli effetti del freddo sia in ambito fisiatrico, ortopedico e traumatologico che reumatologico. Il miglioramento e l’ossigenazione del circolo e del sangue garantiscono un ottimo effetto anti infiammatorio che è sostenuto dal potere antiossidante della terapia.
La Crioterapia risulta essere quindi indicata: per combattere i dolori articolari su base artrosico-degenerativa, per il trattamento delle Lombalgie, Cervicalgie tensive e su base degenerativa, patologie infiammatorie dell’apparato muscolo scheletrico, postumi dolorosi di traumi acuti e da sovraccarico di articolazioni, tendiniti e problemi muscolari, Osteoporosi primaria e secondaria, coaudiuvante dei trattamenti fisioterapici, trattamento della Poliartrite cronica, Artrite Psoriasica, Patologia autoimmuni come il Lupus Eritematoso sistemico, Polimiosite, Fibromialgia, Miositi e Fibromiositi.

 

LA CRIOTERAPIA & LA BELLEZZA

Con i trattamenti di Crioterapia Sistemica si ha un incremento nell’apporto di ossigeno e di nutrimenti alla cute ed al tessuto sottocutaneo, un’importante effetto Redox che contrasta fortemente i fenomeni ossidativi di invecchiamento ed un incremento della produzione di fibre collagene, la pelle diventa compatta meglio nutrita e migliora le sue doti di elasticità conferendo un ringiovanimento visivo evidente, si riducono e si prevengono le rughe. La Crioterapia risulta essere quindi indicata come cura anti-aging, cura della cellulite, dermatite atopica, psoriasi.

 

LA CRIOTERAPIA & LO SPORT

Nello sport professionale, la Crioterapia è ormai ben nota e largamente utilizzata da campioni olimpionici, mondiali e nazionali di calcio, ciclismo, rugby e atleti di endurance. Di fatto la Crioterapia ha sostituito il lungo e doloroso “ice bath” con un trattamento pratico, veloce e indolore.
Da oggi, tuttavia, sempre più sportivi amatoriali la scoprono come trattamento incredibilmente efficace e conveniente per migliorare le prestazioni e i tempi di recupero da traumi e affaticamenti.
Miglioramento delle prestazioni: Favorisce il recupero muscolare dopo allenamenti e performance, Contrasta l’infiammazione causata da esercizio fisico strenuo, Migliora le capacità aerobiche
Recupero da infortunio: Accelera i processi di guarigione in generale, Favorisce il riassorbimento di ematomi, Contrasta l’infiammazione che si produce dopo stress intensi
La Crioterapia si utilizza quindi per trattare: Lesioni muscolari, Tendinopatie acute e da sovraccarico, Sindromi dolorose da affaticamento (DOMS), Sindromi miofasciali, Contusioni ed ematomi anche persistenti, Lesioni capsulo legamentose
L’esposizione del 95% del corpo a queste temperature sollecita l’organismo umano e favorisce la riattivazione e il riequilibrio della circolazione sanguigna, del sistema endocrino, del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale.

SERVIZIO ECOGRAFIA

Il serivizio ecografico di Cascina La Salette Clinic effettua tutte le principali ecografie per adulti e bambini necessarie per gli approfondimenti diagnostici.


 


Ecografia Addome
Ecografia apparato Urinario Completo
Ecografia Collo: Tiroide/Paratiroide/Ghiandole Salivari/Linfonodi
Ecografia Cute/Tessuto Sottocutaneo/Parti Molli
Ecografia Testicoli
Ecografia color doppler Scrotale
Ecografia Mammara
Ecografia Aorta Addominale
Ecografia Muscolo Tendinea

 

Ecografia Ginecologica
Ecografia Morfologica

 

Ecografia apparato Urinario Completo Pediatrico
Ecografia Anca Neonatale
Ecografia Encefalo Neonatale

 



MEDICINA ANTICIPATIVA & CHECK UP

 

Le scoperte scientifiche più avanzate hanno dato consistenza razionale all’intuizione che correlava stili di vita, malattie e invecchiamento. E’ ormai certo che la maggior parte delle malattie sono causate da stili di vita inadeguati, dal fumo, dallo scarso movimento, da una nutrizione scorretta, dall’inquinamento ambientale. La continua esposizione a questi fattori crea una condizione di stress alla quale l’organismo risponde con alterazioni metaboliche ed ormonali che comprendono un’ampia gamma di effetti sul sistema endocrino, su quello immunitario ed ematico. E’ bene evidenziare che quando parliamo di stress in questo contesto non ci riferiamo solo alla sfera psichica, intendiamo piuttosto tutte quelle condizioni che provocano un insulto ai vari sistemi dell’organismo umano: quello respiratorio, gastroenterico, al sistema immunitario e, infine, a quello nervoso. Lo stress, mettendo in pericolo il nostro equilibrio psichico e fisico, minaccia lo stato di omeostasi, cioè quell’attitudine propria dei viventi a mantenere intorno a un livello prefissato il valore di alcuni parametri interni, come la composizione chimica e le proprietà fisiche del sangue e degli altri liquidi, valori la cui costanza è essenziale per una vita sana.

 

GENETICA PREDITTIVA

Come si può invecchiare e restare comunque giovani, sani ed attivi per un lungo periodo di tempo? E’ nei geni di ognuno di noi che si trova la risposta a domande come questa. La salute, l’aspetto giovanile ed il benessere sono principalmente determinati dalle nostre predisposizioni ereditarie che si trovano scritte nel nostro profilo genetico. Conoscerlo ci aiuta a comprendere se la combinazione tra la predisposizione genetica alle malattie e lo stile di vita che conduciamo è in grado di garantire una vita lunga ed in salute o se invece occorre prendere delle contromisure per minimizzare i rischi di salute congeniti, prima di subirne gli effetti. La batteria di test genetici che proponiamo è stata sviluppata con l’utilizzo di particolari tecniche per l’analisi biochimica, che permettono di rilevare in modo rapido e sicuro le predisposizioni genetiche individuali, attraverso alcuni campioni di cellule della mucosa che possono essere prelevate dalla cavità orale in maniera del tutto indolore.

 

 

CHECK UP UOMO

 

Visita funzionale di Primo Livello Visione esami in suo possesso ed anamnesi

Visita Nutrizionale Impedenziometria – valutazione alimentare – Programma Alimentare

Visita Cardiologica incluso ECG

Visita Urologica

Ecografia Addome Completo

Visita Medica Conclusiva

€ 600

 

 

 

CHECK UP DONNA

 

Visita funzionale di Primo Livello Visione esami in suo possesso ed anamnesi

Visita Nutrizionale Impedenziometria – valutazione alimentare – Programma Alimentare

Visita Cardiologica incluso ECG – Prof. Dr. Doni – Specialista in Cardiologia

Visita Ginecologica con Ecografia transvaginale e Pap Test in fase liquida

Ecografia Mammaria Bilaterale

Visita Medica Conclusiva

€ 600

FISIOTERAPIA – OSTEOPATIA – ORTOPEDIA – RIABILITAZIONE

IL MOVIMENTO è VITA

La possibilità di muoversi più o meno bene decide il ritmo della nostra vita e la qualità della vita non può prescindere dalla qualità del movimento, influenzata negativamente da un insieme di fattori che riguardano il nostro vivere quotidiano e che esulano dalle vere e proprie malattie, come ad esempio le abitudini posturali, sovraccarico protratto nel tempo, microtraumi, peso eccessivo. Il sistema osteoarticolare che comprende ossa, articolazioni e muscoli, è l’architettura sulla quale si regge il nostro corpo e contemporaneamente anche il nostro motore: una struttura che ha un ruolo da protagonista nei processi metabolici e quindi nel mantenere l’equilibrio biochimico del nostro organismo; quell’equilibrio omeostatico che, come abbiamo visto, è il maggior responsabile dei processi di invecchiamento. Quindi lo stato di salute generale è strettamente legato allo stato del nostro sistema osteoarticolare, alla mobilità delle articolazioni, alla forza e alla capacità di resistenza muscolare. Il percorso prevede infatti un attento esame diagnostico da parte del fisiatra che comprende una serie di test funzionali, lo studio del cammino, lo schema della corsa, l’analisi dei passaggi posturali, in pratica tutto ciò che riguarda il modo di muoversi dell’ospite. Una valutazione clinica oggettiva in base alla quale può essere stilato un programma su misura che possa migliorare le situazioni carenti itinerari terapeutici per liberarsi definitivamente dal dolore e dalla fatica psicofisica.

 

ORTOPEDIA PEDIATRICA

L’ortopedia pediatrica è un ramo dell’ortopedia che si occupa delle patologie dell’apparato muscolo scheletrico in soggetti in età pediatrica.
Questi piccoli pazienti hanno necessità e patologie molto specifiche, meritevoli di trattamenti mirati e attenti: malformazioni congenite, alterazioni della crescita e dello sviluppo e patologie post traumatiche.
Le patologie più frequentemente prese in carico sono il piede torto congenito, la displasia dell’anca, la scoliosi idiopatica, il piede piatto, il dito a scatto, il ginocchio valgo e varo, la traumatologia sportiva nel bambino.

 

MASSAGGIO SPORTIVO TERAPEUTICO RILASSANTE

Massaggio che dona riequilibrio muscolare, ideale anche da abbinare alle diverse terapie fisioterapiche.
Durata: 30 minuti

 

FISIOKINESITERAPIA

L’utilizzo di esercizi fisici di rieducazione funzionale a scopo terapeutico-riabilitativo al fine di rieducare il paziente ed ottenere il recupero di una capacità perduta a causa di un evento traumatico o una patologia ortopedica, neurologica, reumatologica, cardiovascolare e respiratoria. Ciò significa ristabilire una attività compromessa o eliminare i vincoli che la ostacolano.
Durata: 45 minuti

 

OSTEOPATIA

L’Osteopatia ha un campo di applicazione molto vasto e si rivolge a tutti quegli individui afflitti da una sintomatologia dolorosa. I campi di applicazione dell’Osteopatia sono essenzialmente tre:
STRUTTURALE: nel qual caso vengono curate lombalgie, lombosciatalgie, ernie discali, dorsalgie, cervicalgie, colpi di frusta, tendiniti, pubalgie, epicondiliti, contratture muscolari ecc.
VISCERALE: per disturbi quali gastralgie, gonfiori, stipsi, sindrome mestruale dolorosa, emorroidi, gambe pesanti e gonfie, reflusso gastroesofageo ecc.
CRANIALE: per disturbi quali cefalee, alterazioni dell’olfatto, nausea, vomito, vertigini, malocclusione dentaria, otiti, riniti, acufeni ecc.

Durata: 30 minuti

Osteopata D.O. Fisioterapista (Aifi): Giancarlo Cicogna

ULTRASUONI

Gli ultrasuoni sono vibrazioni acustiche con frequenza superiore a 20.000 Hz, non percepibile all’orecchio umano, che si diffondono sottoforma di onde di compressione e decompressione. Il risultato terapeutico è sostanzialmente dovuto a quattro differenti principi in grado di agire in sinergia: effetto termico, meccanico, chimico e cavitazionale.
Durata: 15 minuti

 

IONOFORESI

La ionoforesi utilizza un generatore di corrente continua che permette di introdurre nell’organismo, per via transcutanea, un farmaco sotto forma di ioni.
Durata: 30 minuti

 

TENS

La tens (stimolazione elettrica transcutanea) è una terapia strumentale antalgica che utilizza correnti rettangolari bifasica, che agiscono sulle fibre nervose sensitive, innalzando la soglia del dolore e favorendo la liberazione di endorfine.
Durata: 15 minuti

 

CORRENTI ANTALGICHE

Sono correnti che con frequenze diverse dall’elettrostimolatore muscolare lavorano sui recettori del dolore.
Durata: 15 minuti

 

TECAR TERAPIA

La Tecar sollecita fortemente i meccanismi cellulari e incrementa l’attivazione dei naturali processi riparativi e antinfiammatori. Grazie ai due sistemi, capacitivo e resistivo, la sua azione può essere indirizzata alle fasce muscolari e al sistema vascolare e linfatico o più in profondità su tendini, articolazioni, legamenti, cartilagine e tessuto osseo.
Durata: 30 minuti

 

CRIOTERAPIA

La Crioterapia o “Cura del Freddo” è un trattamento basato sulla esposizione dell’organismo a temperature molto basse, per una durata non superiore a 3 minuti, che sollecita l’organismo umano e ne provoca un riflesso difensivo e reazioni come la stimolazione della circolazione sanguigna, del sistema endocrino, del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale.

 

Vasca Neologica

Un nuovo ed innovativo sistema di elettro-stimolazione muscolare che utilizza delle frequenze particolari di stimolazione (Sigma-Q) agenti selettivamente sui neuroni motori (le fibre nervose che danno lo stimolo di contrazione ai muscoli) e permette di riattivare, sviluppare e bilanciare tutti i gruppi muscolari dell’organismo, senza nessuno sforzo da parte del paziente.

REUMATOLOGIA

Le malattie reumatiche sono un numeroso gruppo di oltre 150 malattie molto diverse tra loro per cause, manifestazioni cliniche, evoluzione e trattamento; sono accomunate dal fatto di interessare tutte, in vario modo, l’apparato locomotore.
Per semplicità di esposizione, dividiamo queste malattie in tre grandi gruppi: il primo gruppo è formato da malattie che interessano esclusivamente l’apparato locomotore senza alcun coinvolgimento di altri organi come polmone, rene, sistema circolatorio, fegato e apparato gastrointestinale; il prototipo di questo gruppo è l’artrosi o osteoartrosi, cioè la malattia reumatica più diffusa e una delle malattie più diffuse in assoluto.
Il secondo gruppo è formato da malattie che coinvolgono sempre principalmente l’apparato muscolo scheletrico, ma spesso anche gli altri distretti citati e quindi sono caratterizzate da importanti e significative alterazioni degli esami del sangue; il prototipo di questo gruppo è l’artrite reumatoide e il gruppo delle artriti infiammatorie, ma ne esistono molte altre.
Il terzo gruppo infine è formato da patologie che possono interessare all’esordio o durante il decorso l’apparato locomotore, ma gli organi principalmente coinvolti sono i visceri, la cute e i vasi; anche questa malattie sono caratterizzate da importanti alterazioni sierologiche; i prototipi di questo gruppo sono le connettiviti (Lupus, sclerodermia, dermatomiositi e le vasculiti).
Malattie così diverse tra loro richiedono un approccio diagnostico basato soprattutto su una profonda conoscenza dei criteri clinici e sierologici, ma anche sul buon uso delle indagini strumentali (radiologia, ecografia, TAC e Risonanza Magnetica).
Tutti questi mezzi diagnostici devono essere “elaborati” con la storia clinica del malato e con le manifestazioni cliniche che sono prevalentemente caratterizzate dal dolore osteo-articolare, tumefazione articolare, rigidità articolare e numerosi altri sintomi e segni che vanno adeguatamente interpretati per poter formulare una corretta diagnosi e impostare il trattamento idoneo.
Il trattamento di queste malattie è ovviamente molto vario in base alla diagnosi e all’importanza del quadro clinico; si basa comunque su farmaci antidolorifici e antiinfiammatori, sugli steroidi che possono essere utilizzati per via generale o per via infiltrativa, sui cosiddetti “condroprotettori” anch’essi utilizzabili per via generale o locale (infiltrazioni), per passare nei casi che lo richiedono a farmaci di maggior impegno come gli immuno soppressivi e i farmaci cosiddetti “biologici” con indicazioni e limitazioni ben precisi; a queste terapie spesso si possono affiancare con successo trattamenti fisici e riabilitativi.
Tutte queste terapie riconoscono indicazioni precisi e potenziali effetti collaterali che vanno sempre ricordati, controllati e possibilmente evitati.
Questa rapidissima rassegna può dare solo una vaga idea di quanto complesso sia il mondo delle malattie reumatiche e di quanta attenzione sia necessaria nell’affrontare questi problemi; l’eccessiva banalizzazione (“su non si preoccupi è solo un po’ di reumatismo”) va combattuta esattamente come l’eccessiva drammatizzazione (“ è un reumatismo, non c’è niente da fare”); oggi i nuovi mezzi diagnostici e terapeutici consentono infatti notevoli risultati con sostanziale miglioramento della qualità di vita.

NEUROCHIRURGIA della COLONNA

La patologia della colonna vertebrale è un tema ampissimo della medicina e chirurgia, di grande importanza clinica e sociale. Basti pensare all’enorme diffusione nella popolazione delle patologie infiammatorie, degenerative, traumatiche, neoplastiche che coinvolgono la colonna vertebrale, e all’invalidità, anche solo temporanea, e al disagio sociale che ne derivano.

Le problematiche più frequentemente trattate sono le ernie discali, sia a livello lombare che, meno frequentemente, a livello cervicale, e dorsale con approcci anteriori trauma toracici.

Anche la patologia degenerativa, sempre più frequente in considerazione dell’allungamento della vita delle persone, costituisce un importante capitolo per la possibilità di interventi di liberazione dei nervi o del midollo spinale o di sostituzione dei dischi intervertebrali.

MICROCHIRURGIA DELLA MANO, DEL GOMITO E DEL POLSO

La chirurgia della mano è una specialità chirurgica che nasce per rispondere alle problematiche correlate alle patologie traumatiche, degenerative, infiammatorie e neoplastiche che colpiscono la mano. La complessità della mano, per un adeguato trattamento, richiede un chirurgo della mano, un chirurgo cioè che abbia competenza in ortopedia e traumatologia, in chirurgia plastica e in microchirurgia ricostruttiva nervosa e vascolare. I campi di trattamento della chirurgia della mano spaziano da patologie di interesse quotidiano, che possono colpire gran parte delle persone, come ad esempio il tunnel carpale, il dito a scatto, la tendinite di De Quervain, la rizoartrosi, le cisti delle dita e del polso, la malattia di Dupuytren e le varie forme di artrosi, fino ad interessare condizioni patologiche complesse, come i tumori e le malformazioni, fino a condizioni traumatiche complesse come i reimpianti delle dita o degli arti, ad esempio in seguito ad incidenti sul lavoro o della strada. Lo specialista che collabora con il Nostro Centro lavora da oltre 11 anni nella più grande unità operativa d’Europa per numero di interventi chirurgici (circa 8000 mila l’anno) che spaziano da procedure semplici ambulatoriali a quelle più complesse come ricostruzione degli arti superiori ed inferiori, traumi complessi con reimpianti micro e macrovascolari, trattamento delle patologie malformative del bambino con oltre 500 nuovi casi trattati ogni anno, trattamento di ogni tipo di patologia degenerativa e traumatica di mano, polso e gomito e trattamento delle patologie da overuse in ambito sportivo.

 

LE PATOLOGIE:

Sindrome del canale carpale

è un’infiammazione del nervo mediano causata dalla compressione, all’interno del canale carpale, dai tendini flessori che vi scorrono. I sintomi possono essere: formicolii e dolore crampiforme dalla mano fino all’avambraccio, prevalentemente durante la notte, diminuzione della forza e della sensibilità. Le cause di questa malattia non sono ancora completamente note. Per diagnosticare la sindrome del canale carpale è utile eseguire l’esame elettromiografico che costituisce l’unica indagine strumentale attendibile.

 

Dito a scatto

definito anche tenosinovite stenosante dei tendini flessori, è un’infiammazione dei tendini flessori di un dito, che si manifesta con la formazione di un nodulo tendineo doloroso alla base del dito interessato. Questo causa il caratteristico scatto nei movimenti di flessione e di estensione del dito, dovuto alla difficoltà meccanica incontrata dal nodulo a scorrere al di sotto della puleggia basale (canale dove i tendini scorrono all’interno delle dita). Lo scatto è spesso accompagnato da dolore e da conseguente difficoltà nei movimenti. Le cause non sono sempre chiare; spesso ne è responsabile un eccessivo stress tendineo.

 

Malattia di De Quervain

si tratta di una infiammazione dei tendini, che estendono e allontanano il pollice dalle altre dita della mano. Clinicamente si ha un dolore molto intenso, localizzato al polso, alla radice del pollice durante i movimenti di presa, e rende difficoltose le più semplici attività quotidiane. Questa tendinopatia raramente si risolve da sola e tende a diventare cronica. Tra le cause più comuni, lo sforzo della neo-mamma che tiene in braccio il bambino, le tensioni muscolo-tendinee della mano dei musicisti, e alcune attività lavorative ripetitive.

 

Rizoartrosi

è una forma di osteoartrosi degenerativa, più comune nelle donne dopo i 40 anni, che colpisce la base del pollice ed in particolare l’articolazione trapeziometacarpale. Il paziente presenta dolore alla base del pollice, di solito durante movimenti semplici come svitare un barattolo, impugnare una penna, sollevare dei pesi a pugno chiuso, girare le chiavi della porta e tali dolori sono provocati dallo sfregamento delle ossa a causa del consumo della cartilagine e dalla presenza di “becchi” ossei artrosici che agiscono come spine, irritando i tessuti. La diagnosi viene fatta sia clinicamente che con una semplice radiografia della mano.

 

Malattia di Dupuytren

il morbo di Dupuytren è un ispessimento anomalo del palmo della mano che può causare una limitazione al movimento delle dita. Nei casi più avanzati si sviluppa un cordone retraente sotto la pelle che rende sempre più difficoltosa la completa estensione delle dita interessate, fino ad arrivare ad una situazione di chiusura obbligata delle stesse. In alcuni pazienti la malattia può colpire anche altre parti del corpo, come la pianta dei piedi o le nocche delle dita. La causa è sconosciuta, anche se è importante una certa predisposizione familiare. La malattia è benigna e di solito indolore.

Cisti ed igromi del polso

la cisti è una tumefazione di natura non tumorale ripiena di liquido sinoviale. Questo liquido è un lubrificante che si trova all'interno delle articolazioni e nelle guaine dei tendini. Le cisti sono un disturbo estremamente comune. Nella maggior parte dei casi compaiono sul dorso del polso, meno frequentemente sul versante palmare o alla base del pollice, a volte a seguito di traumi o cadute, altre volte senza una causa apparente. I paziente molto spesso riferiscono dolore che compare dopo uno sforzo. Le dimensioni variano nel tempo e talvolta, si riducono fino alla transitoria scomparsa della cisti. Per la diagnosi è sufficiente la visita dello specialista, anche se in certi casi può essere utile un esame ecografico.

 

Dito a martello

Il dito a martello è una lesione del tendine estensore delle dita e porta ad una improvvisa flessione della falange distale (apice del dito) che puo rimanere rimane più o meno piegata. Molto spesso questa lesione avviene durante semplici attività quotidiane come rimboccare le coperte, o sollevare le calze, o urtare accidentalmente l’apice del dito contro un mobile, con movimenti apparentemente cosi banali che il paziente si rende conto della lesione a volte a distanza di tempo, altre volte invece è dovuta a trauma importanti durante attività sportive. La lesione può dipendere o da un distacco del tendine dalla sua inserzione all’osso o da una frattura della parte dell’osso dove questo tendine si inserisce. La diagnosi viene fatta clinicamente (è sufficiente una visita), anche se si consiglia sempre di eseguire una radiografia per escludere la presenza della frattura.

 

Cisti mucoide

è una piccola cisti che compare alla base falange distale delle dita a livello della articolazione interfalangea distale, sul dorso del dito stesso e si sviluppa lateralmente al tendine estensore. Molte volte si associa alla comparsa sull'unghia con un quadro di distrofia ungueale causato dall’impronta della cisti che comprime la matrice ed il letto ungueale. Può essere molto dolente. Essa può formarsi sia in maniera isolata o associata a deformazioni artrosiche, i cosiddetti noduli di Heberden.

 

Cisti della puleggia

è costituita da una neoformazione di minime dimensioni (meno di mezzo centimetro) che compare solitamente alla base di un dito, al passaggio con il palmo della mano. Solitamente mobile sotto la cute ma fissa sui piani profondi tanto che non si muove con il movimento del dito. Spesso la diagnosi è casuale anche se a volte il paziente se ne accorge a causa della comparsa di dolori durante la presa di oggetti o perche può aumentare progressivamente di volume fino a diventare visibile sottocute.

 

Cisti dei tendini estensori

è una neoformazione rotondeggiante, di varie dimensioni, solitamente piccola con diametro inferiore a 1 cm, di consistenza duro-elastica che compare sul dorso della mano. Può originare dalla superficie del tendine estensore o all'interno del tendine stesso. La malattia è presente in età adulta, senza distinzione di sesso o età. E’ caratterizzata dal fatto che si muove quando il tendine scorre alla flessione o all’estensione del dito. Può provocare sensazione di disturbo o dolore, soprattutto alla digitopressione. La neoformazione è apprezzabile palpatoriamente e molto spesso visibile. Si consiglia di eseguire un’ecografia per la conferma della diagnosi.

 

Tumore a cellule giganti della guaina dei tendini (TCG)

è una lesione benigna delle parti molli, fra le più frequenti nella mano. Può essere chiamato anche con altri nomi, tra i quali il più frequente è tumore a mieloplassi. E' più frequente nelle donne tra i 40 e 60 anni. Inizia come una tumefazione dura e aderente ai piani profondi a lento sviluppo che tende a diventare polilobata, spesso sul versante palmare della mano.

 

L'encondroma

è il tumore osseo primitivo più frequente nella mano e nell’arto superiore, ed è più frequentemente localizzato a livello delle falangi e dei metacarpi. E’ un tumore benigno e compare solitamente tra la seconda e la quarta decade di vita. Solitamente asintomatico, viene spesso diagnosticato a seguito di un trauma per il quale si richiede una radiografia; altre volte invece l’esordio clinico è dovuto ad una frattura della falange a livello della lesione tumorale per un trauma anche lieve; altre volte invece il paziente riferisce la comparsa di una tumefazione progressiva e dolorosa a livello della falange prossimale di un dito. La radiografia mostra una rarefazione ossea della falange con un rigonfiamento del profilo osseo e assottigliamento della corticale.

ACTIVE

Un’ampia palestra attrezzata con gli ultimi modelli di macchine per il fitness, sale per corsi di pilates: il menu ACTIVE di La Salette vuole incontrare le necessità di tutti i suoi ospiti, da chi, attraverso il programma anti-aging viene introdotto all’attività fisica in modo graduale a chi vuole approfittare del suo soggiorno per mantenersi in forma e tenersi allenato.
Con il programma Active l’ospite viene accompagnato in un percorso di avvicinamento a uno stile di vita
ideale, senza sforzo e in un contesto rilassante.
Si rivolge ai sedentari, che vogliono stimolare la propria muscolatura ma non amano la corsa e il fitness, ma
anche agli sportivi che desiderano aumentare le proprie performance in modo sostanziale e duraturo.
Qui trova spazio anche la neomamma, che vuole tornare in forma o la donna manager, che cerca tonicità senza stress.
Il programma prevede il raggiungimento del riequilibrio metabolico, di quello funzionale delle masse muscolari e del livello ottimale di fitness cardiorespiratorio.
I programmi di allenamento avvengono in modo personalizzato e sono costantemente supervisionati dal Personal Trainer e dal medico.

NUTRIZIONE

Non diete, ma un’alimentazione sana e su misura per ilnostro benessere.
Uno dei pilastri del nostro metodo è l’equilibrio metabolico. Lo staff medico de La Salette elabora programmi nutrizionali personalizzati per ogni ospite, che permettono non solo di raggiungere il bilancio calorico adeguato, ma anche di ridurre il livello di infiammazione. Il progetto nutrizionale prevede inoltre l’integrazione alimentare in grado di correggere efficacemente lo stress ossidativo, grazie ad un mix di molecole vegetali.

Durante la visita con la Nutrizionista viene sempre effettuata l’ Impedenziometria ed utlizzato il Viscan : lo strumento di misurazione del grasso viscerale.

Il Viscan è uno strumento medicale che utilizzando la tecnologia laser analizza il grasso intraddominale (grasso viscerale), la massa grassa totale a livello del tronco.
E' un esame non invasivo, viene effettuato in pochi minuti in posizione supina.
Il grasso viscerale è il grasso in eccesso che si localizza a livello addominale attorno e dentro gli organi viscerali e costituisce un fattore di rischio metabolico e vascolare. E' una tipica localizzazione degli uomini ma si riscontra anche nelle donne specie dopo la menopausa a causa dei cambiamenti ormonali.

INTOLLERANZE, NUTRIZIONE e DNA

 

TEST INTOLLERANZE ALIMENTARI 90 ELEMENTI

 

L’intolleranza alimentare è un’ipersensibilità verso una particolare sostanza o un alimento che provoca una reazione mediata da anticorpi IgG.

 

Le intolleranze sono spesso causa di una serie di disturbi che hanno origine dall’incapacità dell’organismo di tollerare alcuni alimenti. Diversamente dalle allergie (la cui risposta è IgE-mediata) i sintomi dipendono dalla quantità e dalla frequenza con cui si assume l’alimento non tollerato.

 

Mentre nelle allergie alimentari il rilascio di anticorpi IgE avviene in breve tempo (da 10 minuti a 2 ore dopo l’assunzione dell’alimento), nelle intolleranze alimentari si assiste ad una reazione immunologica lenta (da 1 a 36 ore dopo l’assunzione dell’alimento), che provoca una sintomatologia generale sfumata che può comprendere stanchezza, cefalea, gonfiori addominali post-prandiali, orticaria ecc,… Spesso si tratta di effetti di difficile riconoscibilità e che incidono notevolmente sulla qualità della vita.

 

 

Riconoscere i cibi non tollerati offre la possibilità di avviare una dieta personalizzata che permette di eliminare i disturbi ed evita lo sviluppo di nuove intolleranze. Inoltre, l’eliminazione dell’alimento risultato positivo al test dalle proprie abitudini alimentari consente un netto miglioramento delle proprie condizioni di salute.

 

 

Il Test sulle intolleranze svolto presso il nostro Centro Medico può fornire una chiave interpretativa dei sintomi di disagio fisico che si sta vivendo e supporta il medico nella diagnosi e nel follow-up. Attraverso un semplice prelievo di sangue, proponiamo l’analisi dell’intolleranza verso 90 alimenti suddivisi in 12 gruppi e offre un report personalizzato che consente di orientare la dieta quotidiana.

 

TEST GENETICI & NUTRIZIONE

 

Una buona alimentazione può migliorare il proprio stato di salute e la qualità della vita, riducendo il rischio di obesità e l’insorgenza di molte malattie croniche.
Lo studio del DNA permette di determinare l’esatta tipologia e quantità di nutrienti di cui ciascuno di noi ha bisogno.

Oggi , grazie ai progressi scientifici nel campo della Nutrigenetica, l’applicazione della genetica all’ambito della nutrizione e dell’interazione con il cibo, è possibile capire come vengono metabolizzate e utilizzate le sostanze che ingeriamo, sulla base del nostro patrimonio genetico.

Non esistono delle regole alimentari certe e uguali per tutti, come non esistono diete universali: per questo, grazie ai Test Personal Genetics, possiamo analizzare numerose variazioni presenti nel DNA per identificare i nutrienti necessari, sia in termini di quantità minime, sia di quantità massime di sostanze tollerabili da ciascuno, come ad esempio grassi saturi, caffeina, sale, ecc..

Con questo Test possiamo fornire un utile strumento personalizzato per correggere la propria dieta quotidiana, con importanti conseguenze sullo stile di vita.

Infatti, un report personalizzato, chiaro e intuitivo, illustra il significato di ciascuna variazione genetica letta sul DNA e riporta informazioni che consentono di disegnare un apporto personalizzato per quanto riguarda le quantità ideali di ciascun nutriente.

 

Il Test valuta i seguenti ambiti specifici:

Intolleranza genetica al lattosio
Predisposizione alla celiachia

Salute dell’osso, osteoporosi e assimilazione del calcio, vitamina D
Livelli di massa grassa e rischio di obesità
Salute del cuore e ipertensione

Detossificazione e Stress Ossidativo, Radicali liberi
Infiammazione
Glicemia, insulina, metabolismo Carboidrati
Trasporto Energia e Metabolismo dei Lipidi
Vitamine B
Sensibilità alla caffeina
Sensibilità all’alcool
Sensibilità al sale

 

PROGRAMMA DIMAGRIMENTO

CASCINA LA SALETTE  WELLNESS CLINIC

 

 

Presso La Salette Clinic è possibile effettuare i Programmi di Dimagrimento e di Mantenimento seguiti dal nostro Staff Medico e dai nostri Wellness Coach.

 

 

Il programma prevede:

 

VISITA MEDICA Funzionale di Primo Livello con il Nostro Direttore Sanitario,

 

Visita Medico Nutrizionale ed Impedenziometrica con la Nutrizionista,

 

Test Intolleranze alimentari e Predisposizione genetica Nutrizione seguiti dalla nostra Genetista,

 

Sedute ACTIVE con il Personal Trainer e utilizzo di Crioterapia,

 

Sedute di Lipolaser (onde di Kotz, Laser e Drenaggi),

 

Sedute di Diatermia e Massaggi Connettivali

 

Sedute di Vasca Neologica e Sali del Mar morto

 

MONITORAGGIO PERIODICO E COSTANTE per il mantenimento dei risultati.

 

 

Il trattamento lipolaser, in abbinamento ad un corretto regime alimentare e all’attività fisica, è un trattamento non è invasivo e favorisce una riduzione considerevole della massa grassa e della cellulite.

 

E’ un programma sicuro dai risultati immediati fin dalla prima seduta, agisce stimolando il rilascio di acidi grassi liberi e glicerolo da cellule di grasso localizzate inducendo un rimodellamento corporeo.

 

La tecnologia che utilizza il lipolaser ha dimostrato di essere efficace nel rilascio del contenuto cellulare degli adipociti (cellule di grasso), lasciando intatti i capillari e le altre cellule. Il rilascio del contenuto delle cellule adipose è il risultato di un’interruzione della membrana cellulare (pori cellulari). Questa rottura della membrana è il risultato della stimolazione del laser.

 

Prima dell'esposizione al laser le cellule adipose hanno una forma regolare; in pochi minuti di esposizione le cellule di grasso iniziano a sviluppare pori nella membrana. Il poro permette l'evacuazione del contenuto della cellula nello spazio extracellulare. Una volta che il contenuto della cellula viene rilasciato, si riversa nello spazio interstiziale attraverso cui può essere espulso dal corpo durante il suo normale corso di disintossicazione attraverso le vie linfatiche.

 

Il lipolaser può essere utilizzato su addome, fianchi, schiena, glutei, interno ginocchia, polpacci, interno ed esterno braccia ed interno cosce.

 

> PROGRAMMA DIMAGRIMENTO DONNA

 

> PROGRAMMA DIMAGRIMENTO UOMO

PROGRAMMA WELLNESS CLINIC

Programmi straordinari per risvegliare le energie complessive sopite che, con il passare del tempo o in situazioni di stress, creano blocchi e alterazioni nel corpo. Sollecitando i punti chiave in cui scorre l’energia vitale, è possibile ridistribuire armoniosamente le cariche energetiche naturali e ricreare quella
situazione di equilibrio interno.

 

WELLNESS CORPO
Programmi efficace per l’aumento del benessere psicofisico, per ottenere il giusto equilibrio e detossinazione.

 

Massaggio Very Personal 50min
Massaggio estremamente  rilassante e distensivo, eseguito con l’utilizzo di tecniche lente e manovre manuali che riuniscono tutti i benefici di diverse tecniche, aiutando a ridurre lo stress e le tensioni muscolari.

 

Massaggio Linfa 30min

Agisce attraverso una serie di manovre molto delicate, eseguite per favorire la riattivazione del sistema linfatico, l’eliminazione delle tossine dai tessuti e per riequilibrare e migliorare la circolazione emolinfatica.. Svolge un’azione disintossicante ed è consigliato soprattutto alle persone che soffrono di ritenzione idrica e sovrappeso

 

Massaggio Scrub corpo 50min
La purificazione del corpo è essenziale per ottenere una pelle liscia, luminosa e completamente ossigenata, il massaggio scrub offre un rituale di preparazione a tutti i trattamenti.

 

Massaggio Deco 30min
Massaggio decontratturante, profondo, energetico e tonificante  delle principali fasce muscolari. Attraverso un insieme di tecniche riequilibranti aiuta a ridurre le tensioni muscolari ed ammorbidire i tessuti

 

Rituale Rigenerante 80min
Trattamento Termale indicato per il microcircolo esaltando l’effetto intenso dello zenzero, riattiva la microcircolazione e contrasta gli accumuli adiposi

 

Rituale Drenante 80min
Trattamento Termale indicato per il trattamento degli inestetismi cutanei causati dalla ritenzione di liquidi in eccesso.  I principi attivi che ne caratterizzano l’azione sono: la spirulina d’ischia, l’acqua termale, il ginger, il cacao, la buccia d’arancia, Il pino marittimo, la centella asiatica, Il betaglucano, l’acido ialuronico

 

Rituale Liporiducente 80min
Trattamento Termale  indicato per contrastare gli inestetismi cutanei causati delle adiposità localizzate. I principi attivi che ne caratterizzano l’azione sono: la spirulina d’ischia, l’acqua termale, il tè verde, l’alga laminaria, Il pino marittimo, la centella asiatica, Il betaglucano, l’acido ialuronico

 

 

 

WELLNESS VISO
Programmi che regalano luminosità e benessere al tuo viso

 

Antiage 80min
Indicato per contrastare la perdita di elesticità ed i cedimenti cutanei. La formulazione esalta le straordinarie proprietà della spirulina associata associato all’estratto di centella asiatica, per stimolare la produzione endogena di collagene e di tutte le proteine che regalano il processo di idratazione dell’epidermide. Indicato per le prime rughe ele pelli mature

 

Illuminante 50min
Un viso dall’effetto straordinariamente brillante e luminoso grazie alle virtù della spirulina, l’acido ialuronico, famoso per l’idratazione dei tessuti, e le gemme di buddleja davidii, efficaci per il potente effetto antiossidante, schiarente e protettivo. Indicato per tutti i tipi di pelle

 

Sensitive 50min
Trattamento delicato e  protettivo  per la pelle sensibile associata ad un’azione fortificante , grazie alla sinergia tra le proprietà del betaglucano d’avena, quelle rinfrescanti dell’aloe vera e l’azione rigenerante della spirulina. Indicato per le pelli sensibili, arrossate e con couperose

o
o.

 

 

GINECOLOGIA ED OSTETRICIA

La scelta del proprio ginecologo è importante per ogni donna. Si tratta di scegliere un professionista che oltre ad essere competente e ad infondere fiducia, dovrà metterti a tuo agio e saperti ascoltare, essere l’interlocutore di riferimento per la buona salute della tua femminilità; se la tua scelta sarà positiva, potrà seguirti lungo tutto l’arco della tua vita di donna, con cui in futuro potrai condividere momenti delicati ed importanti…
L’importanza della visita ginecologica non deve essere sottovalutata. Ogni donna in età fertile deve recarsi dallo specialista almeno una volta all´anno. Quando vengono utilizzati contraccettivi, può essere necessaria una maggiore frequenza, soprattutto durante i primi periodi.

Visite Ginecologiche di controllo e prime visite
Visite Ostetriche di controllo e prime visite
Prevenzione: Pap Test, HPV Test, Tamponi Vaginali
Vaccinazione HPV
Contraccezione
La Menopausa
Uroginecologia
Ecografie Ginecologiche e Ostetriche
Ecografie Morfologiche

 

LA PREVENZIONE SECONDARIA CON DIAGNOSI PRECOCE

PAP TEST IN FASE LIQUIDA

Il Pap test è lo strumento che tutti conoscono come prevenzione per il tumore al collo dell’utero. Il pap test tradizionale rileva tuttavia soltanto la metà dei positivi, mentre è ora disponibile anche un’alternativa al vecchio metodo: il pap test in fase liquida, eseguito presso il Centro Medico La Salette. La fase liquida è il metodo che garantisce una lettura migliore e consente quindi l’identificazione dell’80% dei positivi (contro il 50% del pap test tradizionale).
Secondo gli esperti, inoltre, il pap test dovrebbe essere spesso associato alla ricerca dell’hpv o Papilloma Virus Umano, un nutrito gruppo di virus i cui ceppi ad alto rischio sono responsabili dei tumori al collo dell’utero.
In Scozia la ricerca dell’hpv ha già sostituito il pap test come strumento di indagine di primo livello, e molti paesi europei lo sostituiranno nei prossimi anni.

 

FULL PAP IN FASE LIQUIDA

Ogni anno in tutto il mondo a circa 500.000 donne viene diagnosticato un tumore della cervice uterina. È il secondo tumore in ordine di diffusione e la terza causa di mortalità correlata a cancro nelle donne.il papillomavirus umano (HPV) è una delle infezioni più frequenti tra quelle trasmesse sessualmente ed è stato identificato come causa necessaria (ma non sufficiente) di carcinoma invasivo della cervice uterina. Il rischio di contrarre HPV nella vita di una donna è superiore all’80%, tuttavia la maggioranza delle infezioni sono transitorie ed eliminate entro 1 anno. Esistono 14 genotipi di HPV classificati ad alto rischio e correlati ad aumentato sviluppo di cancro. Tra questi, i genotipi 16 e 18 contribuiscono a circa il 70% dei tumori del collo dell’utero. L’identificazione delle infezioni persistenti è un obiettivo primario, poiché le infezioni che non regrediscono hanno maggiori probabilità di portare a cambiamenti cellulari, lesioni tumorali e/o carcinoma invasivo. Si è reso pertanto necessario un test affidabile che distingua tra le infezioni transitorie e le persistenti: presso il nostro centro medico eseguiamo questo test chiamato FULL PAP. Il test (FULL PAP – HPV-DNA test) mira a rilevare la presenza del virus e, soprattutto, di quei sierotipi ritenuti ad alto rischio per lo sviluppo del cancro cervicale. In questo modo è possibile individuare le donne potenzialmente a rischio di cancro del collo dell’utero. Il test viene eseguito su biopsie o tamponi urogenitali, e può essere richiesto prima o in concomitanza di un PAP test positivo o di manifestazioni cliniche quali condilomi suggestive di presenza di HPV.

LA PREVENZIONE PRIMARIA: LA VACCINAZIONE HPV

La vaccinazione contro il Papillomavirus umano (Hpv) si è dimostrata molto efficace nel prevenire nelle donne il carcinoma della cervice uterina (collo dell’utero), soprattutto se effettuata prima dell'inizio dell'attività sessuale; questo perché induce una protezione maggiore prima di un eventuale contagio con il virus Hpv.

• La vaccinazione in Italia è consigliata e offerta gratuitamente alle ragazze entro il 12° anno di età.

• Il vaccino è molto efficace anche per le ragazze fino a 26 anni che non hanno avuto rapporti sessuali.

• Il vaccino è molto efficace anche per le donne fino a 45 anni che hanno già avuto rapporti sessuali

 

IMPIANTO CONTRACCETTIVO ORMONALE SOTTOCUTANEO

L'impianto contraccettivo ormonale è un metodo contraccettivo a lungo termine reversibile, contenente 68 mg di progestinico etonogestrel ed è efficace per un periodo fino a 3 anni. Il dispositivo consiste in un bastoncino flessibile di 4 cm di lunghezza e 2 mm di spessore realizzato in un materiale plastico copolimerico (etilene vinil acetato). Il bastoncino rilascia solfato di bario (3%, 15mg) ed etonogestrel (60% 68mg). L'inserimento e la rimozione dell'impianto devono essere effettuate dal ginecologo, con un'iniezione sottocutanea.

Rispetto all’impiego di contraccettivi ormonali sistemici estro-progestinici, come la pillola ad esempio, i contraccettivi contenenti solo progestinico presentano vantaggi rilevanti dal punto di vista degli effetti collaterali, grazie all’assenza di estrogeni. In particolare, questo tipo di contraccezione può essere utilizzato in numerose condizioni nelle quali l’impiego dei tradizionali estroprogestinici è assolutamente o relativamente controindicato: allattamento, tabagismo, obesità, trombofilie congenite o acquisite, ipertensione arteriosa controllata ecc

 

LA MENOPAUSA

Sia durante la propria vita fertile che durante la menopausa è opportuno che la donna si sottoponga regolarmente a una serie di controlli e visite volte a prevenire eventuali patologie/disturbi.

 

UROGINECOLOGIA

L'Uroginecologia, branca di confine tra la ginecologia e l'urologia, ha lo scopo di migliorare la qualità di vita della donna promuovendo la prevenzione, lo studio e la correzione di una serie di patologie del pavimento pelvico le più frequenti delle quali sono: il prolasso genitale e l'incontinenza urinaria.

TEST PRENATALE NON INVASIVO

 

Il materiale ereditario è organizzato in cromosomi, presenti in tutte le cellule di un organismo. Due di questi (X e Y) definiscono il sesso, mentre gli altri (cromosomi 1–22) non partecipano alla determinazione del sesso e sono definiti autosomi.

Prima di ogni divisione cellulare, i cromosomi contenuti nel nucleo della cellula madre raddoppiano di numero per poi dividersi in parti e in proporzioni uguali tra le due cellule figlie. Durante tale suddivisione possono verificarsi degli errori; qualora essi avvengano durante la nascita di una cellula germinale (uovo o spermatozoo), e qualora tali cellule alterate concepiscano un feto, esso sarà portatore di informazioni ereditarie alterate. Se un cromosoma compare nelle cellule del feto tre volte (anziché due come avviene di norma), si parla di «trisomia».
Molti degli errori che avvengono durante la suddivisione dei cromosomi impediscono che le cellule germinali risultanti diano luogo a una gravidanza, oppure causano aborti spontanei. Un numero molto limitato delle trisomie che colpiscono gli autosomi però consentono la vita. La più frequente e meglio conosciuta è la trisomia 21, in cui il cromosoma 21 è presente nel feto tre volte invece che due e dà origine alla sindrome di Down. La trisomia 18 è molto più rara ed è tipica della sindrome di Edwards. Ancora più rara è la trisomia 13, tipica della sindrome di Pätau.

 

 

 

Oltre all'esecuzione di test prenatali invasivi, è oggi possibile indagare la presenza delle trisomie 21, 12 e 18 durante la gravidanza con un'accuratezza pari al 99% effettuando il PANORAMA TEST su un semplice campione di sangue materno.

 

Semplice, sicuro e affidabile: PANORAMA è il più innovativo test su DNA fetale che consente di ottenere tantissime informazioni sulla salute del bambino.

 

È uno screening non invasivo che si può effettuare già dalla 9a settimana di gestazione con un semplice prelievo di sangue materno.

 

Test Panorama valuta il rischio delle principali anomalie numeriche dei cromosomi fetali 21 (Sindrome di Down), 18, 13, X e Y, le triploidie e eventualmente le microdelezioni (Sindrome DiGeorge, Sindrome di Angelman, Sindrome di Prader-Willi, Sindrome di Cri-du-chat e Delezione 1p36).

 

Grazie a test Panorama potrai decidere assieme al tuo medico il percorso diagnostico migliore per la tua gravidanza.

SCREENING NEONATALE

Lo screening neonatale è un esame effettuato sul sangue del bambino, che permette di individuare precocemente alcune patologie ereditarie.
Oggi in Italia è obbligatorio per legge eseguire lo screening neonatale solo su 4 malattie congenite (ipotiroidismo, fibrosi cistica, galattosemia e fenilchetonuria) e queste vengono effettuate in ospedale nei primi giorni di vita del bambino, ma con la stessa semplice metodologia di prelievo è possibile indagare la presenza di OLTRE 50 TRA MALATTIE METABOLICHE EREDITARIE E IMMUNODEFICIENZE GRAVI COMBINATE SCID, effettuando lo Screening Neonatale allargato StepOne®.

I neonati esaminati e diagnosticati tempestivamente, possono essere sottoposti a terapie adeguate prima che i sintomi si presentino per poi vivere una vita del tutto normale. Anche se rare, infatti, le malattie ereditarie sono gravi e possono generare serie complicazioni di salute.

Normalmente queste patologie ereditarie vengono diagnosticate solo dopo il manifestarsi dei sintomi con un altissimo rischio che vengano causati danni permanenti all’organismo, compresi ritardi mentali, complicazioni motorie e disabilità fisiche, mentre alcune malattie possono causare persino la morte.

È possibile esegiore il test fino alla pubertà. Naturalmente quanto più precoce è la diagnosi, tanto più efficaci e meno invasive saranno le terapie da somministrare al piccolo eventualmente colpito da una delle malattie genetiche indagate. Inoltre, se il prelievo viene fatto dopo il secondo mese di vita, non è possibile diagnosticare l’ipotiroidismo congenito, mentre dopo il terzo mese non sarebbe possibile diagnosticare la fibrosi cistica.

PREDISPOSIZIONE GENETICA del Tumore al Seno

Il tumore della mammella rappresenta il tumore più frequente nella donna: nei Paesi industrializzati 7 donne su 100 sviluppano una neoplasia mammaria nell’arco della vita mentre il tumore dell’ovaio interessa circa il 2% delle donne.

Nell’ambito di questi tumori è oggi possibile operare delle distinzioni: si parla infatti di tumori sporadici o familiari/ereditari. Il 75% circa dei tumori mammari è di tipo sporadico, cioè si sviluppa nella popolazione generale in assenza di familiarità ed è per lo più correlato a fattori ambientali. Il restante 25% dei tumori mammari è invece di tipo familiare o ereditario (la classificazione differisce in base alla numerosità, grado di parentela o età di insorgenza di parenti affetti da neoplasia mammaria): il rischio di sviluppare tumori della mammella e/o dell’ovaio infatti è più elevato se altri membri della propria famiglia si sono ammalati di queste neoplasie.

Sono stati scoperti due geni responsabili di circa il 50% delle forme ereditarie di tumori della mammella e/o dell’ovaio:
Gene BRCA1 presente sul cromosoma 17
Gene BRCA2 presente sul cromosoma 13.

Questi geni normalmente controllano la proliferazione cellulare e regolando la moltiplicazione delle cellule riparano tratti cromosomici danneggiati, assicurando che il patrimonio genetico venga trasmesso intatto da una cellula alla cellula figlia. Nel caso in cui si ereditino da uno dei due genitori versioni alterate (mutate) di questi geni, viene perso il normale controllo che essi operano. Quando una persona eredita una mutazione a carico dei geni BRCA1 e/o BRCA2, possiede un aumentato rischio di sviluppare, nell’arco della sua vita, un tumore della mammella e/o ovaio:

– le donne che ereditano la mutazione a carico del gene BRCA1 hanno il 45-60% di probabilità di sviluppare un tumore della mammella, e il 20-40% di probabilità di sviluppare un tumore dell’ovaio nell’arco della loro vita;
– le donne che ereditano una mutazione a carico del gene BRCA2 hanno il 25-40% di probabilità di sviluppare un tumore della mammella e il 10-20% di probabilità per il tumore dell’ovaio.

 

Le mutazioni a carico di questi due geni, inoltre, in caso di pregresso tumore della mammella, aumentano il rischio di sviluppare un tumore dell’altra mammella. Non è detto però che tutte le donne portatrici di mutazione sviluppino un tumore, poiché l’alterazione di per sé non è sufficiente. Infatti, affinché la malattia insorga occorre che avvenga una seconda mutazione sull’allele sano. Pertanto, possono essere presenti, nell’ambito di una famiglia con tumore mammario/tumore dell’ovaio ereditario, dei salti generazionali che possono rendere difficile l’evidenza dell’ereditarietà. Oltre a BRCA1 e BRCA2 esistano anche altri geni, non ancora identificati, la cui alterazione può predisporre all’insorgenza di forme ereditarie di tali neoplasie.

Il test genetico, che permette di verificare la presenza di mutazioni genetiche, consiste in un prelievo di sangue. Le componenti del sangue oggetto dell’indagine sono i globuli bianchi da cui si estrae il DNA per la ricerca di alterazioni nei geni BRCA1 o BRCA2 localizzati rispettivamente sui cromosomi 17 e 13.
L’analisi viene eseguita mediante un sequenziamento completo degli esoni codificanti i geni BRCA1 e BRCA2.

PREDISPOSIZIONE GENETICA del Carcinoma Ovarico

Carcinoma Ovarico – HE4 e CA125

HE4 (Human Epididymis Protein 4) è una glicoproteina identificata inizialmente nell’epididimo, ma normalmente espressa nelle cellule epiteliali del tratto respiratorio superiore, nel pancreas e nell’apparato riproduttore. Recenti studi hanno dimostrato che HE4 è over-espressa nel cancro dell’ovaio, rendendolo, assieme al CA125, un marker sierologico nella valutazione del rischio di malignità. HE4 è estremamente utile nel discriminare tra cancro dell’ovaio, cisti o masse ovariche benigne e carcinoma endometriale.

La combinazione dei dosaggi sierici di HE4 e CA125 mediante un algoritmo chiamato R.O.M.A (Risk of Ovarian Malignancy Algorithm) offre un metodo approvato dalla FDA come nuovo test per la stima di rischio di cancro alle ovaie. Il metodo è stato sviluppato nell’ambito del Program in Women’s Oncology del Women & Infants Hospital di Rhode Island.

DERMATOLOGIA E MEDICINA ESTETICA

Un incontro preliminare con lo specialista dermatologo è richiesto per pianificare un programma antiage mirato alle esigenze del singolo ospite. La visita dermatologica comprende un accurato esame dei nevi in dermatoscopia per la diagnosi precoce dei tumori della pelle e una valutazione della cute e delle sue caratteristiche al fine di individuare inestetismi legati all’aging cutaneo che possono beneficiare di specifici interventi di prevenzione e cura. Grazie al progresso e alla continua evoluzione della tecnologia oggi la dermatologia ha a disposizione nuove strategie terapeutiche di tipo topico o iniettivo e innovativi sistemi laser e luce pulsata in grado di trattare specifiche condizioni cutanee patologiche e non, legate al naturale processo di invecchiamento. Al passo con le più avanzate tecniche di ringiovanimento, il nostro staff di esperti propone una selezione di trattamenti di tipo estetico-correttivo nell’ambito di un approccio medico globale finalizzato al benessere psicofisico.

 

Visita dermatologica e dermatoscopia

Con il dermatoscopio manuale è possibile eseguire un esame accurato dei nevi e individuare precocemente quelle lesioni che necessitano di un accertamento istologico.

 

Patch test

Esame allergodiagnostico che consiste nell’applicazione per 48 ore di allergeni direttamente sulla cute. Le reazioni sono valutate dopo 24-48 ore dalla rimozione del test.

Asportazione per Diatermocoagulazione

Fibromi penduli, cheratosi seborroiche, verruche

 

Intensive Pulsed Light (IPL)

Epilazione permanente.
Foringiovanimento, macchie melaniche e vascolari

 

Peeling

Trattamento ad azione chemioesfoliante che si avvale dell’utilizzo di vari acidi come glicolico, mandelico, salicilico, piruvico, tricloroacetico a diverse concentrazioni da soli o in combinazione tra loro con azione mirata e specifica per ogni tipo di esigenza cutanea: macchie, esiti cicatriziali, acne in fase attiva, crono e fotoinvecchiamento, cheratosi.

 

Biorivitalizzazione

Consiste in una serie di iniezioni di un pool di sostanze: vitamine, minerali, aminoacidi, antiossidanti e oligoelementi che, in combinazione con l’acido ialuronico, ridonano idratazione, tono, luminosità a viso, collo, decollètè e mani.

 

Filler

Trattamento iniettivo con acido ialuronico a diverse formulazioni specificamente indicate per il trattamento di pieghe sottili, rughe più o meno profonde o depressioni di alcune zone del viso.

UROLOGIA

Urologia è una branca specialistica medica e chirurgica che si occupa delle patologie a carico dell’apparato genito-urinario cioè reni, ureteri, vescica, prostata, organi genitali esterni, dal punto di vista anatomico, patologico, fisiologico.

 

ENDOCRINOLOGIA

 

La visita endocrinologica è una visita non invasiva e indolore che permette di valutare o monitorare disturbi e malattie associate alle ghiandole endocrine, gli organi che producono gli ormoni. Tra questi sono inclusi la tiroide, i testicoli, le ovaie, l’ipofisi, il surrene e il pancreas.

I diversi ruoli svolti nell'organismo dagli ormoni li rende fondamentali per garantire un funzionamento ottimale del metabolismo, degli organi e dei tessuti. L'endocrinologo si occupa di identificare e trattare patologie associate al malfunzionamento delle ghiandole che li producono, che possono contribuire all'insorgenza di malattie come l'osteoporosi, la disfunzione erettile e il diabete e a problematiche come l'infertilità e le complicanze della menopausa.

DIABETOLOGIA

Lo specialista in diabetologia si occupa della diagnosi del diabete in tutte le sue forme e del suo trattamento per consentire al paziente di tenere la condizione patologica sotto controllo al fine di mantenere una buona qualità della vita.

Il diabetologo tratta il diabete in tutte le sue forme: diabete mellito (noto anche come "vero diabete"), diabete insulino-dipendente (chiamato anche diabete di tipo 1), diabete insipido, diabete gestazionale.

GERIATRIA

La Geriatria è una disciplina della Medicina che si pone come obbiettivo il mantenimento del migliore livello possibile di salute mentale, fisica, autosufficienza e quindi qualità di vita del soggetto anziano.

Quanto sopra viene raggiunto attraverso la prevenzione e la cura delle patologie acute e croniche, il recupero e la stabilizzazione degli eventi degenerativi.

Lo strumento specifico utilizzato per raggiungere l’obbiettivo è rappresentato dalla valutazione multidimensionale geriatrica che permette un inquadramento/identificazione di tutte le aree deficitarie del paziente. Questa metodica, che pone costantemente al centro dell’attenzione e della verifica del geriatra l’anziano nelle sue specificità fisio-patologiche, psico-affettive e socio-ambientali, richiede il superamento del tradizionale approccio medico centrato sulla sola cura della malattia d’organo o di apparato. Va aggiunto che in età avanzata la modalità di presentazione delle malattie non è sempre identica a quanto avviene nelle età inferiori.

La Geriatria quindi si prende carico di quei soggetti anziani che per le loro plurime patologie (comorbilità), cognitività compromessa, nutrizione qualitativamente e quantitativamente inadeguata, polifarmacoterapia sono ad alto rischio di perdita di autosufficienza e conseguentemente di disabilità per eventi in fase acuta o di riacutizzazione (anziano fragile).

Non si dovrebbe invece rivolgere a soggetti con mono-patologia specifica di apparato, se non nell’ambito di una valutazione rivolta ad un corretto approccio al declino funzionale di organi ed apparati per favorire un invecchiamento prestigioso

 

La peculiarità del “metodo geriatrico” si fonda su una diagnosi precoce, attraverso procedure e protocolli atti alla valutazione funzionale, globale e specifica, per una quantizzazione della salute residua in funzione di un obbiettivo di benessere ed autosufficienza da perseguire attraverso interventi programmati.

Il successivo intervento mirato non è esclusivamente farmacologico, ma spesso integrato da un supporto psico-affettivo e sociale, in funzione sempre dei bisogni -impliciti ed espliciti- di salute e di benessere che questa tipologia di paziente richiede.

 

Valutazione Ambulatoriale Geriatrica. Attività svolta: anamnesi (compresa farmacologica), esame obiettivo generale e locale, valutazione multidimensionale, valutazione del rischio. Progettazione piano di trattamento individuale.

 

Disturbi della memoria. In ambito geriatrico particolare attenzione ed impegno vengono posti alla individuazione precoce dei disturbi della memoria e del comportamento .

La persona affetta da tale problematica presenta una progressiva perdita delle abilità funzionali, che coinvolge inizialmente le funzioni più complesse che richiedono l'utilizzo di strumenti (Instrumental Activities of Daily Living) e successivamente le funzioni più semplici, relative alla gestione della persona ( Basic Activities of Daily Living). L’esecuzione della valutazione multidimensionale dello stato cognitivo e funzionale che prevede, accanto all’indagine anamnestica e all’esame clinico l’esecuzione di alcuni test psicometrici di primo livello, permette di intercettare questa problematica e di avviare un iter diagnostico-terapeutico personalizzato.

SOGGIORNO DI RIABILITAZIONE

Ogni anno sono migliaia gli interventi di protesi all’anca, al ginocchio o alla spalla eseguiti in Italia .
Si tratta ormai di interventi di routine, eseguiti dai chirurghi con sempre maggiore facilità.
Quello che invece continua ad essere fondamentale è la RIABILITAZIONE POST OPERATORIA che è la fase decisiva per far recuperare al paziente la migliore capacità motoria.
La RIABILITAZIONE POST OPERATORIA, spesso prevede l’andare e venire di accompagnatori e pazienti tra casa e ospedale. Anche per ovviare a questi inconvenienti è nata CASCINA LA SALETTE RESIDENZE, una nuova realtà a Verderio, nel cuore della Brianza.
Propone al suo interno un’ ACCOGLIENZA MIRATA con soggiorni in appartamenti esclusivi che includono la terapia di riabilitazione post operatoria nonchè una degenza protetta, un’assistenza medica continuativa e servizi di riabilitazione INDIVIDUALE.













L'obiettivo è quello di ABBREVIARE il più possibile i tempi di recupero con il vantaggio di trovarsi in un ambiente non ospedalizzato, con la consulenza specialistica continua del fisiatra e dell'ortopedico volta a personalizzare il percorso riabilitativo modulando il programma di attività in funzione delle esigenze dell'ospite. Il protocollo di riabilitazione inizia con una prima visita di accettazione del nostro Direttore Sanitario, una visita specialistica con il Fisiatra responsabile dell'area e prosegue con almeno due ore al giorno di lavoro con i fisioterapisti per un ciclo che può essere di due o tre settimane, secondo la risposta dell'attività riabilitativa svolta.